In città il campo di volontariato antimafia promosso dalla Flai CGIL

È iniziato il 24 luglio scorso il campo di volontariato antimafia Liberi dal caporalato, promosso da Flai Cgil e Libera a Polistena.

Il campo vede la partecipazione di 25 giovani di tutta Italia, tra cui anche delegati e delegate Flai provenienti dal settore agricolo e dell’industria alimentare.

Le attività del campo, che dureranno l’intera settimana, vanno dal lavoro agricolo sui terreni confiscati alla ‘ndrangheta, ora gestiti dalla cooperativa Valle del Marro, alle attività di formazione pomeridiana sui temi della legalità nel mondo del lavoro, del contrasto al caporalato e sulla necessità di diverse politiche per l’accoglienza e l’integrazione dei lavoratori migranti.

L’attività della settimana e gli incontri sono stati aperti dal saluto di Don Pino Demasi, referente territoriale di Libera, e da un intervento introduttivo del segretario nazionale Flai Cgil, Ivano Gualerzi.

Nei prossimi giorni saranno ospiti delle attività formative: Sara Palazzoli (Segr. naz. Flai Cgil), Giuseppe Massafra (Segr. naz. Cgil), Angelo Sposato (Segr. gen. Cgil Calabria), Peppino Lavorato (ex sindaco di Rosarno, testimone delle lotte bracciantili), Michele Albanese (Giornalista de Il Quotidiano del Sud), Domenico Fazzari (Pres. coop. Valle del Marro) e Il dott. Stefano Musolino (Sostituto procuratore Dda di Reggio Calabria).

Durante il campo ci sarà un collegamento tra i volontari di Polistena e le Brigate del lavoro della Flai impegnate a Foggia e Lecce nelle attività di sindacato di strada promosse della campagna ‘Ancora in campo’.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.