Ordigno davanti al cancello. Intimidazione alla Coop OP Monte

Nella notte tra giovedì e venerdì un ordigno è stato posizionato davanti ad un ingresso secondario della sede della Cooperativa OP Monte, in contrada Monte a Polistena. L'esplosione ha fatto saltare in aria il cancello.

A denunciarlo è stato il Presidente Francesco Sorace che aggiunge "Non è la prima volta che l'azienda viene colpita da diversi e vili attentati, ultimo non meno di un mese fa, il taglio di centinaia di piante di kiwi su terreni agricoli del Presidente. Si auspica che le forze dell'ordine si adoperino ad assicurare alla giustizia i responsabili".

Arriva la solidarietà alla Coop anche da parte del Sindaco Michele Tripodi che scrive "Siamo davvero indignati per questa ulteriore violenza che ha una chiara paternità mafiosa e vogliamo esprimere da subito piena solidarietà e tutto il nostro sostegno ai proprietari ed ai lavoratori dell'Op Monte che da diverso tempo sono bersaglio di intimidazioni di tipo mafioso".

Si dice preoccupato per questa "grave escalation criminale che sta interessando Polistena. Esortiamo l'azienda, che offre lavoro e occupazione nel settore agricolo a tantissime persone , ad andare avanti con coraggio e non arretrare di un millimetro".

Mercoledì sera si è tenuto un Consiglio Comunale che è stato aperto proprio con l'approvazione all'unanimità di un ordine del giorno di condanna delle intimidazione subite recentemente da cittadini e attività commerciali.

Anche Legacoop ha espresso solidarietà ai soci.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.