Sindaco ai grillini sulla questione palme: "Eseguiti i trattamenti consentiti"

Le circa 200 palme sono state donate da un'azienda di Ricadi (VV). A comunicarlo è il Sindaco Tripodi in una nota di replica al meetup del M5S, nonostante il dato fosse già ricavabile dalla delibera di giunta comunale relativa. "Le generalità - aggiunge però Tripodi - sono riportate negli atti esecutivi della Ripartizione Lavori Pubblici".

E' questa la prima risposta che Michele Tripodi da ai grillini polistenesi che qualche giorno fa avevano espresso alcune riserve sull'operazione definita dal Sindaco stesso "imponente".

In merito alla possibilità che anche la specie oggetto di donazione possa non essere abbastanza resistente, Tripodi conferma che "Anche il grillino più cieco si accorgerebbe che le palme c.d. californiane sono molto più resistenti al punteruolo. Nonostante il parassita abbia infatti sterminato le palme c.d. delle Canarie, sembra chiaro che gli altri esemplari di palma, tra cui quella californiana, mostrino una positiva e particolare resistenza all’insetto".

Estratto dalla Delibera di Giunta 132 del 15/09/2017

Il primo cittadino aggiunge ancora che "l’Amministrazione Comunale ha eseguito i trattamenti sulle palme delle Canarie presenti in piazze e luoghi pubblici, con costanza e tempestività, utilizzando i medicinali autorizzati dall'ufficio fitosanitario della Regione". 
Nega quindi in ogni modo un disinteresse da parte del Comune sulla questione. 

"Alcune palme storiche infatti, dopo i trattamenti, si sono riprese, altre, dopo essere guarite, sono state nuovamente colpite come quelle situate a Piazzetta Tigani, a Villa Italia e nel giardino dell’Agenzia dell’Entrate, altre ancora sono state distrutte fulmineamente". 

Ricorda poi che a seguito di un'ordinanza del gennaio 2014, i trattamenti sulle palme colpite sono stati resi obbligatori sia sul verde pubblico che su quello privato. Ed è qui che lancia una stoccata al M5S: "Purtroppo decine di palme delle Canarie, hanno dovuto capitolare dinanzi all'invasione del punteruolo, tra questi anche le palme di qualche simpatizzante competente grillino che nel giardino di casa propria ha visto perire esemplari di palma per lo stesso problema". 

Tripodi precisa che poiché "l’Amministrazione Comunale lavora innanzitutto per preservare la salute umana" non sarebbe stato possibile eseguire i trattamenti "con sostanze non previste nei protocolli fitosanitari forse in grado pure di abbattere il punteruolo". I trattamenti "certamente dovranno continuare".

Con una leggera ironia, Tripodi conclude così: "Come recita il titolo di una famosa canzone: “Tutto il resto è noia” o, per alcuni, forse… paranoia".
Sindaco ai grillini sulla questione palme: "Eseguiti i trattamenti consentiti" Sindaco ai grillini sulla questione palme: "Eseguiti i trattamenti consentiti" Reviewed by Polistena News on 4.10.17 Rating: 5