Dieni a Tripodi: "Non offenda ancora l'intelligenza dei cittadini" e parla di manifestazione diventata comizio

Ennesima puntata dello scontro - tutto a suon di comunicati - che si sta consumano tra la maggioranza che sostiene Michele Tripodi e la deputata reggina del M5S Federica Dieni. Il tema, come ormai tutti avranno ben capito, è la manifestazione del 28 ottobre. 

OSPEDALE USATO PER FINI POLITICI Ieri era stato proprio il gruppo consiliare Avanti Polistena a ribattere accusando l'on. Dieni la cui elezione sarebbe stato "un terno al lotto vinto per casualità e non per merito o radicamento territoriale". A queste parole, Federica Dieni replica sostenendo che il gruppo di maggioranza sta "buttando in caciara" la questione, in quanto "prima tentano di screditare il M5S, poi di dissimulare con ogni mezzo il loro squallido tentativo di usare l’ospedale per fini politici". 

LA VERSIONE DI DIENI Volendo fare chiarezza sulla sua adesione, poi ritirata, la deputata pentastellata ripercorre le tappe della vicenda: "Era stato diffuso un invito pubblico al quale avevo subito aderito, dal momento che nel corso della mia attività parlamentare mi sono occupata ripetutamente della situazione dell’ospedale di Polistena. Successivamente Tripodi, pochi giorni prima dell’evento, per mezzo di una mail spiegava l’impossibilità di far parlare i rappresentanti delle istituzioni come me".

COMIZIO MASCHERATO Il divieto non sarebbe però falso per i politici selezionati da Tripodi, secondo Dieni che parla di trasformazione della manifestazione in un "comizio elettorale, al quale hanno preso inconsapevolmente parte anche i tanti cittadini convinti di trovarsi in piazza solo per difendere il loro diritto alla salute, non per lanciare nuove e più importanti candidature (alla Regione, al Parlamento?) del loro sindaco". Rivendica quindi la decisione di non ritirarsi da questa "vicenda molto squallida", nonostante da parte della deputata c'era "il desiderio di manifestare accanto alle persone che chiedono più diritti e più servizi"

NO APOLITICA Una maggioranza che secondo l'on. Dieni si sarebbe tradita da sola, prima sostenendo il carattere apolitico della manifestazione in difesa della sanità pubblica, poi intimando il suo gruppo (M5S) ad organizzarne una "propria". "Ma come, - commenta Federica Dieni - non era una protesta di tutti? Non era un momento di condivisione di una battaglia senza bandiere per difendere l’ospedale?"

PROPRIETÀ' SULLA PROTESTA "Siamo in presenza di una forza politica che rivendica una sorta di diritto di proprietà sulla protesta, e noi glielo lasciamo volentieri. Il sindaco di Polistena non faccia però l’anima bella e non offenda ulteriormente l’intelligenza dei cittadini, che sono stufi di vedere barattati i loro bisogni da politici pronti a tutto pur di avere un nuovo avvenire politico, dopo i disastri del passato" conclude la deputata grillina.
Dieni a Tripodi: "Non offenda ancora l'intelligenza dei cittadini" e parla di manifestazione diventata comizio Dieni a Tripodi: "Non offenda ancora l'intelligenza dei cittadini" e parla di manifestazione diventata comizio Reviewed by Polistena News on 3.11.17 Rating: 5