"Cumbertazione" | Cassazione annulla misura cautelare per l'ingegnere Castiglione


La VI sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio l'ordinanza con cui il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria aveva rigettato il ricorso dei legali di Gaspare Castiglione e quindi confermato gli arresti domiciliari.

L'ingegnere polistenese è rimasto coinvolto lo scorso gennaio nell'operazione della DDA di Reggio Calabria "Cumbertazione". A finire in carcere alcuni professionisti reggini, accusati dagli inquirenti di aver costituito un'associazione per delinquere al fine di truccare alcuni appalti pubblici della provincia, con l'aggravante di aver favorito una consorteria mafiosa. Questo il reato contestato a Castiglione.

Dopo il fermo emesso dalla DDA di Reggio Calabria, gli avvocati Andrea Alvaro e Stefano Grio avevano chiesto ed ottenuto - in sede di convalida del fermo - la sostituzione della misura cautelare della custodia in carcere con gli arresti domiciliari.

Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria, adito successivamente dai legali, aveva rigettato il ricorso di Castiglione, ravvisando sia la gravità indiziaria in relazione ai reati contestati (associazione per delinquere e turbata libertà degli incanti, aggravati dalla finalità agevolatrice mafiosa) che l’esigenza cautelare del pericolo di reiterazione del reato. 

La Corte Suprema di Cassazione ha accolto il ricorso di Castiglione, annullando senza rinvio l’ordinanza relativamente alle esigenze cautelari (disponendo, pertanto, l’immediata scarcerazione dell’imputato detenuto) e con rinvio per nuovo esame sulla gravità indiziaria in relazione al reato associativo ed all’aggravante dell’agevolazione mafiosa
"Cumbertazione" | Cassazione annulla misura cautelare per l'ingegnere Castiglione "Cumbertazione" | Cassazione annulla misura cautelare per l'ingegnere Castiglione Reviewed by Polistena News on 20.12.17 Rating: 5