Nolo a caldo, Comune dispone liquidazione dopo stop: "Errore nella determina"


E' stato solo un "errore". Si conclude così la vicenda dell'affidamento del "nolo a caldo" di un mezzo per eseguire i lavori di spicconatura dei cornicioni del Palazzo Municipale. Ad essere risultata affidataria del servizio era stata un'impresa di Polistena non iscritta - ne richiedente - nelle White List della Prefettura di Reggio Calabria, così come richiede invece la normativa antimafia e anticorruzione per questo tipo di affidamento.

LEGGI| "Nolo a caldo" affidato dal Comune a impresa fuori white list antimafia


Dopo il nostro articolo era prontamente intervenuta la Giunta comunale che aveva deliberato di dare mandato alla Segretaria comunale di verificare la regolarità della procedura e di sospendere il mandato di pagamento già emesso per l'impresa affidataria. 


La questione si è conclusa circa un anno dopo: il 15 gennaio 2019 è stata infatti firmata la determina che liquida definitivamente le spettanze. Nella determina si legge infatti che "dagli accertamenti effettuati è emerso che l’affidamento [...] rientra nella fattispecie dell'appalto di lavori e non in quella di nolo a caldo in quanto i lavori sono stati interamente eseguiti dalla ditta che ha provveduto, con mezzi e manodopera propria, non solo alla conduzione del mezzo ma anche alla materiale spicconatura e rimozione del cornicione, al trasporto e smaltimento del materiale di risulta e all’assunzione di tutti i rischi ed i costi connessi senza l’intervento del personale dell’ente".

Vi sarebbe quindi stato un errore nella determina del marzo 2018 che parlava espressamente di "nolo a caldo di una gru con cestello" a differenza degli atti relativi al MEPA in cui si parlava invece di "Affidamento lavori di spicconatura intonaco ammalorato cornicioni sede comunale, mediante procedura negoziata con unico interlocutore".

La "verifica interna" della Segretaria comunale è quindi terminata nei giorni del 7 e 8 agosto 2018, "con i dovuti adempimenti". In aggiunta, il Comune ha richiesto inoltre alla Banca Dati Nazionale Antimafia l'esistenza di eventuali comunicazione e informazioni, non essendo ancora però pervenuta risposta.

Si è quindi disposta due giorni fa la liquidazione dei € 3.257,40 (iva inclusa) e la contestuale revoca della determina del 3 maggio 2018 che aveva in precedenza liquidato la somma.

Tutto è bene quel che finisce bene. In questa vicenda è sicuramente da segnalare il pronto intervento della Giunta comunale e della Segretaria e forse qualche "disattenzione" da parte del personale della Ripartizione Lavori Pubblici.

17/01/2019
Nolo a caldo, Comune dispone liquidazione dopo stop: "Errore nella determina" Nolo a caldo, Comune dispone liquidazione dopo stop: "Errore nella determina" Reviewed by Polistena News on 17.1.19 Rating: 5