Genera, la cooperativa dietro la Piattaforma Berlinguer


La Piattaforma Berliguer è il progetto lanciato qualche mese fa dal sindaco di Polistena Michele Tripodi con lo scopo di realizzare uno spazio virtuale di confronto politico e sociale alternativo a Rousseau del M5S. Una piattaforma che ha raggiunto ad oggi 575 utenti iscritti.

Dietro le attività di questa piattaforma realizzata con la tecnologia Blockchain c'è Genera, una società cooperativa a responsabilità limitata con sede a Polistena, in via Pietro Nenni 28, nello stesso stabile in cui ha sede la sezione del PCI.

SOCI | La società è stata costituita il 23 aprile 2018 dai soci Angelo Borgese (Presidente del Consiglio comunale), Marco Policaro (Vicesindaco), Giuseppe Avati (Dipendente comunale), Stefano Filippone e Manuela Tripodi. Quest'ultima è proprio la sorella del sindaco di Polistena Michele. Tutti i soci hanno versato 400 euro, andando cosi a costituire un capitale sociale di 2mila euro. Nel febbraio scorso hanno fatto ingresso nella compagine sociale anche Anna Villì, Tito Mammoliti, Nelly Creazzo (Assessore alla cultura), Salvatore Tripodi ed il Partito dei Comunisti Italiani. A differenza dell'organizzazione politica che ha conferito 5mila euro, i neo soci hanno tutti versato 400 euro.

I NUMERI | Nel 2018 Genera ha chiuso il bilancio con 6.337,36 euro di utile. Questo è stata destinata tutto a riserve (legale e indivisibile) e a fondi mutualistici. I ricavi totali sono stati poco più di 10mila euro, di cui 8.255,00 da vendite e prestazioni.

I LIBRI DI TRIPODI | Nella descrizione delle attività della società, si legge che a seguito di un contratto chiuso con l'associazione Generazione.com, Genera si occupa di fornitura dei "servizi di gestione e implementazione di una piattaforma digitale e informatica secondo i principi del protocollo Blockchain". Oltre a tale principale attività, la coop si occupa anche di "produzione, distribuzione e vendita di pubblicazioni cartacee ed online anche al dettaglio e per corrispondenza attraverso telefono, posta, internet, siti web". Si fa infatti riferimento ad una scrittura privata fatta tra Genera e Michele Tripodi nel maggio del 2018, nella qualità di autore del libro "Il Manifesto del Comunismo Digitale". "Con tale accordo - si legge nella nota integrativa al bilancio 2018 - che ha previsto il trasferimento da parte dell’autore alla Cooperativa di numero 500 (cinquecento) copie del libro, a fronte del riconoscimento delle spese sostenute per la stampa, sono stati organizzati eventi pubblici di presentazione e vendita del libro anche fuori dalla regione, che hanno generato dei ricavi utili per fare fronte a parte dei costi sostenuti per l’ implementazione della piattaforma digitale e anche alle spese correnti di gestione ordinaria". Quindi il sindaco Tripodi ha venduto alla cooperativa di cui è socia la sorella 500 copie del suo libro. Da segnalare come questa vicenda viene correttamente citata nel bilancio in riferimento alle operazioni con parti correlate, stante il rapporto di parentela tra una socia e l'autore del libro.

LA TENTATA ASSUNZIONE DEL PRESIDENTE DEL CDA | Altro di interessante emerge anche in riferimento alla figura di Angelo Borgese, che di Genera è sia socio che presidente del consiglio di amministrazione. Bisogna subito precisare che la cooperativa non ha dipendenti e che, data la natura giuridica della società, i soci non ricevono gli utili. Tuttavia, il Cda, nell'ottobre 2018, ha dato mandato all'assemblea dei soci di individuare "una figura da impiegare in forma part-time che potesse garantire, soprattutto con il prevedibile aumento e incremento degli impegni e dei rapporti commerciali, le funzioni di ordinaria amministrazione, gestione e controllo delle attività quotidiane e funzionalità della sede operativa". La scelta è ricaduta proprio sul Presidente del Cda Borgese, giustificata dal fatto che "da un sondaggio tra i soci è risultato quello che attualmente occupato con un contratto di lavoro part-time ha la disponibilità di assolvere all’impegno richiesto". L'assemblea dava quindi mandato per espletare tutti gli adempimenti necessari per la contrattualizzazione di Borgese part-time. Alla fine di marzo  2019 però questa assunzione non si era ancora perfezionata. Dalla relazione della gestione emerge che "dopo avere individuato lo studio professionale di consulenza del lavoro si doveva valutare la tipologia di contratto di lavoro subordinato, in modo che la stessa non potesse causare problemi o conflitti con il contratto già in essere, sia per non gravare da subito sui costi della cooperativa". "Giova comunque segnalare - continua la relazione firmata dallo stesso Borgese in qualità di Presidente del Cda - che fino ad oggi nei fatti la figura individuata ha garantito, naturalmente con l’aiuto di tutti gli altri soci, tutti i servizi necessari per l’ordinaria amministrazione e gestione sempre in forma volontaria e rinunciando a qualsiasi compenso".

La dott.ssa Mariaconcetta Tripodi, a differenza di quanto scritto in precedenza, non ha materialmente redatto il bilancio ma ha esclusivamente attestato la conformità del documento e trasmesso lo stesso al Registro delle imprese competente.

23 giugno 2019 - AGGIORNATO IL 24 GIUGNO 2019 (ORE 15:48)
Genera, la cooperativa dietro la Piattaforma Berlinguer Genera, la cooperativa dietro la Piattaforma Berlinguer Reviewed by Polistena News on 23.6.19 Rating: 5