Emergenza COVID-19, ordinanza Interno e Salute: uscire dal comune solo per motivi di salute o lavoro


AGGIORNAMENTO (20:00) - Le stesse disposizioni sono state inserite nel DPCM firmato poco fa dal Presidente Conte. E' stato inoltre abrogato il riferimento al rientro al domicilio, abitazione o residente prima consentito.
____

Il Ministro della Salute, di concerto con il Ministro dell’Interno, ha emesso oggi una nuova ordinanza, ancora più restrittiva. 

“Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19, è fatto divieto a tutte le persone fiscihe di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati, in comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute”, si legge nell’ordinanza.

Le disposizioni dell’ordinanza avranno efficacia a partire da oggi, 22 marzo, e fino all’entrare in vigore di un nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Non si potrà più uscire per motivi di necessità o per il rientro al domicilio, abitazione o residenza come già previsto dal D.P.C.M. dell'8 marzo. Per esempio, non sarà più possibile effettuare la spesa in un comune diverso da quello in cui ci si trova.

 L’obiettivo è quello di impedire alle persone di trasferirsi dal Nord al Sud. 

Secondo alcune anticipazioni, la medesima disposizione troverà spazio nel prossimo D.P.C.M. che verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Con lo stesso decreto sarebbe disposta la proroga delle chiusura delle attività commerciali fino al 3 aprile.







DOMENICA 22 MARZO 2020
Emergenza COVID-19, ordinanza Interno e Salute: uscire dal comune solo per motivi di salute o lavoro Emergenza COVID-19, ordinanza Interno e Salute: uscire dal comune solo per motivi di salute o lavoro Reviewed by Polistena News on 22.3.20 Rating: 5