Nonostante divieti vandali in azione in centro a Polistena. Ira del sindaco Tripodi


"Siete la feccia della società", "bestie". Con queste parole, il sindaco di Polistena Tripodi, definisce i soggetti che stanotte hanno vandalizzato le fioriere spartitraffico di via Trieste, sottraendo quasi tutti gli arbusti piantati.  Altra azione criminale si è registrata in via Valensise., dove anche gli stessi vasi sono stati asportati. 

"Non è la prima volta che ciò avviene" spiega il primo cittadino sui social, ma questa volta "però la “vergogna” è stata organizzata in un momento tragico e difficile per il nostro Paese. Vili due volte, per il gesto in sè e per il momento in cui è stato perpetrato. Mentre le persone oneste cercano di collaborare mettendosi in quarantena tutelando sè e gli altri, facendo sacrifici economici, sul lavoro e nelle relazioni sociali, esistono “bestie” che con lucida vigliaccheria danneggiano le cose belle di Polistena, con l’intento di colpire l’operato e le scelte dell’Amministrazione Comunale". 

Durissime le parole di Tripodi, a cui fanno eco le centinaia di commenti di altri cittadini su Facebook.

Un episodio, spiega il sindaco, che dimostra come sia sbagliato ritenere che la colpa di questi atti vandalici sia della "movida", che pullula le vie del centro di Polistena, soprattutto nelle sere del fine settimana.

"Niente movida ieri, era un sabato sera triste senza nessuno in giro. Personalmente ho sempre sostenuto il contrario e cioè che la movida è utile e va tutelata proprio perchè inibisce e blocca il vandalismo. Quando ci sono persone in giro ci sono più occhi che guardano e azioni codarde come quella di ieri notte è più difficile pianificarle e compierle. Ecco invece che l’obbligata “quarantena del sabato sera” ha spianato la strada ai saccheggiatori seriali di Polistena incuranti di tutto anche dei posti di blocco delle forze dell’ordine e del coronavirus". 

Sul posto sono subito giunti gli uomini della locale Stazione Carabinieri, guidati dal Luogotenente Leonardo Ribuffo. "Al contempo - spiega ancora Tripodi - abbiamo già dato mandato per ripiantare le fioriere perché vedere via Trieste spoglia in un momento così triste è ancora più desolante. Già sono partite le indagini per smascherare e punire tali miserabili, nemici della città e del popolo di Polistena ma soprattuto feccia della società".

Sono ora al vaglio degli inquirenti le numerose telecamere di videosorveglianza poste su via Trieste, al fine di identificare gli autori dell'ignobile gesto. Appello anche ad eventuali testimoni, al fine di collaborare con i militari dell'Arma.

Dalle prime informazioni, si ipotizza che gli autori - travisati - si siano muniti di un furgone aperto, non cassonato.


DOMENICA 15 MARZO 2020