Abuso d'ufficio, assolti sindaco Tripodi ed ex consigliere comunale Mammola


Assoluzione per il sindaco di Polistena Michele Tripodi e per l'ex consigliere comunale Francesco Mammola, perché "il fatto non sussiste". E' questo il verdetto cui è giunto il Tribunale di Palmi in composizione collegiale, presieduto dalla dott.ssa Bandiera con a latere Iacinto e Porchi, in merito all'imputazione per abuso d'ufficio contestata ad entrambi, nella giornata di ieri.

La vicenda giudiziaria era stata innescata da una denuncia di un imprenditore di Polistena che paventava ritardi per la definizione di una pratica edilizia che lo interessava. 

Il Sindaco Michele Tripodi e l’architetto Francesco Mammola (quest’ultimo all’epoca dei fatti consigliere comunale), entrambi membri della commissione edilizia, sono stati difesi rispettivamente dagli avvocati Andrea Alvaro e Stefano Grio, i quali, nel corso della lunga ed articolata istruttoria, sono riusciti a dimostrare pienamente l’infondatezza delle ipotesi di reato ascritte ai loro assistiti. 

Anche il Pubblico Ministero, nella sua requisitoria, ha concluso con la richiesta di assoluzione per Tripodi e Mammola, ai quali in origine veniva contestato di avere danneggiato intenzionalmente, con violazione di legge, la parte civile per ragioni politiche, nonché di sedere illegittimamente all’interno della Commissione edilizia comunale. Le accuse originarie non hanno retto dinanzi alla meticolosa ricostruzione della vicenda avvenuta attraverso l’escussione di numerosi testimoni e la produzione di copiosa documentazione da parte degli avvocati Alvaro e Grio, che si sono impegnati, con successo, a dimostrare l’infondatezza dell’ipotesi di reato. I legali hanno evidenziato altresì l’assoluto rispetto dei principi di legalità e trasparenza che ha sempre caratterizzato il modo di operare e le scelte politiche del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale di Polistena. 

Il Sindaco Tripodi ha commentato a caldo: “Non ho mai smarrito la fiducia nella giustizia e nella magistratura anche quando, mio malgrado e convinto della mia non colpevolezza, mi sono ritrovato in diverse occasioni a dovermi difendere in tribunale. Questa vittoria giudiziale mi rende felice perché è come se avessi vinto le elezioni una terza volta ancora. Una condanna avrebbe portato conseguenze devastanti per la comunità di Polistena. Ed invece ha vinto insieme a noi, il modello-Polistena quale esempio di 10 anni di buon governo al servizio di tutti i cittadini, che era stato messo in discussione. Mi onora dunque di poter rappresentare, e continuare a farlo a testa alta, il popolo di Polistena sino alla conclusione del mandato. Infine, rivolgo un particolare e doveroso ringraziamento agli avvocati Andrea Alvaro e Stefano Grio per la professionalità non comune e l’attività di difesa svolta in modo eccellente”.

VENERDI' 26 GIUGNO 2020