Nuovo calendario raccolta differenziata, M5S ne chiede la revoca


Per i pentastellati di Polistena, il nuovo calendario della raccolta differenziata, entrato in vigore questa settimana, non funziona. Lo spiegano in una nota indirizzata al sindaco.
Sul fronte dell'indifferenziato, segnalano la riduzione alla sola giornata del sabato della raccolta, rispetto ai due giorni a settimana prima previsti - con il martedì - "con la conseguenza che i rifiuti (cotone, assorbenti igienici, pannolini, ecc.) dovranno rimanere per una intera settimana dentro casa".

Per la frazione organica (c.d. umido), i giorni passano da tre a due: per il M5S questo lascerebbe "un buco di tre giorni (venerdì, sabato, domenica)" e andrebbe contro quanto avviene "nei maggiori centri della Piana (Cittanova, Taurianova, Palmi, ecc.)", dove la raccolta dell'organico è su tre giorni a settimana.

Per il pentastellati, queste modifiche starebbero creando "nei cittadini giustificate preoccupazioni, in quanto con l’approssimarsi del periodo estivo vi sarà sia l’aumento della popolazione che quello della produzione di rifiuti organici e indifferenziabili, con la conseguenza che rimanendo in casa per ben tre giorni consecutivi i rifiuti organici (venerdì, sabato e domenica) e per una intera settimana gli indifferenziabili, verranno a generare oltre a cattivi odori anche il proliferare di batteri potenzialmente dannosi per la salute dell’uomo" 

Il Meetup di Polistena chiede quindi la revoca del nuovo calendario, "ripristinando il ritiro dell'indifferenziata e della frazione organica come si effettuava in precedenza", e chiede lumi al sindaco sulla fine della tanto annunciata "card del cittadino", che - citando l'annuncio sul sito del comune - ricordano avrebbe dovuto “ottimizzare la gestione del ciclo dei rifiuti a Polistena, permettendo di monitorare gli accessi al centro di raccolta e di vigilare sulle infrazioni compiute dagli utenti”.

GIOVEDI' 2 LUGLIO 2020