Comunali 2020, ecco i programmi delle due liste: ambiente, cultura, politiche sociali e sport


Sono stati resi noti i programmi elettorali delle due liste che si contenderanno la guida di Polistena in occasione delle elezioni comunali del 20 e 21 settembre 2020. La Sottocommissione Elettorale Circondariale di Cinquefrondi ha infatti ammesso entrambe le candidature ed effettuato il sorteggio per stabilire la disposizione delle liste sulla scheda elettorale: Difendiamo Polistena con Policaro sarà la lista n. 1, mentre il secondo posto è quindi andato a Uniti per Polistena con De Pasquale.

Abbiamo selezionato alcune tematiche generali e cercato di confrontare le proposte contenute nei due programmi elettorali: 

AMBIENTE E RIFIUTI

Tra i punti del programma di Difendiamo Polistena l'ammodernamento dell'attuale isola ecologica di viale Falcone, con la realizzazione di una corsia di decelerazione per la sicurezza degli accessi. Inoltre, si punterà a chiedere un finanziamento per delocalizzare l'isola ecologica relativamente alla frazione organica e all'indifferenziato, per risolvere le problematiche che da anni lamentano i residenti. Oltre ai rifiuti anche l'ambiente in generale, con la realizzazione del parco urbano Jerulli.

Uniti per Polistena mira invece al modello "chi più differenzia, meno paga", a realizzare un centro di raccolta lontano dal centro abitato e tanti piccoli centri di smistamento territoriali, in collaborazione con i comuni limitrofi. Ancora bonifiche dei siti inquinati, un piano di zonizzazione acustica e l'istituzione delle "case dell'acqua".

CULTURA

Continuità anche sul tema cultura ed eventi. Difendiamo Polistena conferma l'estate culturale polistenese e la residenza teatrale presso l'auditorium mentre sul fronte beni culturali Palazzo Sigillò, futura Casa della Cultura, sarà affidato ad una cooperativa o ad una società specializzata nei circuiti culturali. Proposto l'ampliamento della biblioteca e del museo della civiltà contadina di contrada Calù. Completamento della Casa-Museo Jerace e realizzazione di nuove statue di personaggi rappresentati del Paese. Confermata la volontà di dare una destinazione pubblica della scultura La Fortuna, oggi sita dentro Palazzo Avati.

Uniti per Polistena propone invece la realizzazione di uno spazio espositivo per artisti locali e associazioni culturali e l'istituzione di un premio nazionale di arti visive intitolato a Francesco Jerace.

POLITICHE SOCIALI

Difendiamo Polistena mira a garantire e confermare le politiche sociali esistenti: esenzioni per la mensa scolastica, assistenza ad anziani e diversamente abili, servizio civile. I percettori del reddito di cittadinanza saranno destinata ad attività utili alla collettività come la raccolta differenziata, pulizia parchi e strade per 8 ore a settimana. Abbattimento barriere architettoniche, sviluppo edilizia popolare tra i punti. In tema di accoglienza, confermato il Festival della Pace e della Solidarietà tra i popoli e proposta l'istituzione di una rete sovracomunale con i comuni "sensibili all'accoglienza".

Ampio lo spazio che Uniti per Polistena dedica alla "Polistena Accogliente". Servizio civile e l'istituzione di uno "Sportello del cittadino" tra i punti del programma. Anziani al centro della proposta di realizzare un centro di aggregazione per la terza età. Potenziamento del servizio mensa, dell'asilo nido, incentivi alle famiglie e alle giovani coppie. Sul fronte immigrazione, il centrodestra polistenese si dimostra aperto agli scambi culturali con l'istituzione di un mediatore culturale. Ancora politiche attive antiracket e antiusura, campagne informative e di assistenza sulla tossicodipendenza, e infine una non meglio precisata "incentivazione alla famiglia tradizionale".

SPORT

Oltre ai 250mila euro già stanziati per il completamento del Parco Juvenilia con un percorso wellness e la realizzazione della tribuna, la lista Difendiamo Polistena ipotizza la realizzazione di una piscina coperta vicino lo stadio comunale (progetto di cui si parla da oltre dieci anni) e una tendostruttura polivalente nell'area esterna del Palasport.

Nel programma di Uniti per Polistena, nessun riferimento a politiche a sostegno dello sport.

GIOVEDI' 27 AGOSTO 2020