Comunali 2020, nella lista di De Pasquale spunta il candidato "complottista": "Covid-19 è esperimento sociale"


"Esperimento sociale di controllo delle masse nel quale si stanno verificando i limiti umani e vedendo quanto, nella paura, l'uomo è pronto a rinunciare". Questo è quello che Serafino Mammola, candidato consigliere con la lista Uniti per Polistena a sostegno di Salvatore De Pasquale, scriveva il 13 giugno sul proprio profilo Facebook in relazione al Covid-19. Un soggetto non proprio nuovo alla politica, candidatosi per il Movimento Popolari e Liberali Calabria alle elezioni provinciali del 2011, a sostegno di Peppe Raffa, nel collegio di Polistena.

"Il Covid-19 del 2020 nei prossimi decenni sarà sui libri di storia e classificato come il più grande esperimento sociale della storia. Metti in circolazione un virus che può essere curabile imponendo protocolli di cura sbagliati. Fai campagna mediatica di terrorismo puro alimentando nella gente la paura di morire che è la paura più grande che ha un essere umano. Impedisci le autopsie, fai sparire i cadaveri impedendo di capire la vera causa di morte. Insinua il dubbio che chiunque tu incontri possa essere causa della tua morte così la gente si scontra con la stessa gente che amava fino al giorno prima. Chiedi alle persone che si controllino e si denuncino a vicenda creando divisione e panico. Distruggi i rapporti sociali, inibisci la spontaneità delle emozioni. Metti il bavaglio che chiami mascherina pur dicendo che il virus non è nell'aria e impedisci alla gente di sorridersi, impedisci alla gente di abbracciarsi e fai morire di crepacuore e solitudine tutte le persone ospedalizzate".

Delle parole molto gravi, riferite ad un virus che ha già fatto oltre 800.000 morti nel mondo e oltre 23 milioni di contagi. Delle parole su cui l'intera lista ed il candidato sindaco dovrebbero prendere le distanze.



LUNEDI 24' AGOSTO 2020