Critiche sulla gestione del verde pubblico da Fdi e M5S


Con due diverse note stampa, prima Fratelli d'Italia, il Movimento 5 Stelle poi, criticano la gestione del verde pubblico e dei parchi cittadini da parte dell'Amministrazione comunale uscente.

Per il circolo polistenese del partito di Giorgia Meloni, "i parchi e gli alberi della città lasciati all’abbandono ed all’incuria. Piazza Fusco, Villa delle Papere ed oggi Villa Italia: alberi che cadono pericolosamente sul marciapiede o sulla strada e fortunatamente non sopra le persone; cespugli che crescono dappertutto compreso davanti alle abitazioni. Al contrario, il Parco della Liberazione è “tirato a lucido” ed addobbato in quanto nei prossimi giorni sarà (momentaneamente?) riaperto per lo svolgimento della Festa Rossa del partito usurpatore di bene pubblico, con buona pace dei cittadini residenti e i frequentatori degli altri parchi cittadini".

Al coro delle critiche si aggiungono i pentastellati, per cui "da tempo il verde pubblico soffre una situazione di precarietà e disordine, in balia di una crescita delle piante raramente sotto controllo. Le condizioni di incuria in cui versano gli alberi nel territorio comunale portano a volte a situazioni estreme come quella accaduta pochi giorni fa in Villa Italia con la caduta di un grosso ramo che solo per provvidenziale fatalità non ha ferito nessuno".
Ricordando quando prescrive il regolamento comunale di tutela del verde pubblico, il M5S chiede al sindaco e agli uffici competenti: "Ad oggi, è stato adottato un piano di gestione e monitoraggio del verde pubblico che preveda opportuni piani di potatura e di trattamento fitosanitario , al fine di tutelare non solo la salute degli alberi ma anche l’incolumità pubblica? Riteniamo di no in quanto è, evidententemente, non attuato! Si intende, dunque, porre rimedio, con indifferibile efficacia e adeguatezza, a tutte queste annose e critiche emergenze?".

GIOVEDI' 20 AGOSTO 2020