M5S su Policaro: «Suo silenzio amplifica interrogativi e perplessità, serve netta presa di distanza»


"Sono trascorsi ormai parecchi giorni dall'operazione Faust e il silenzio assordante del Sindaco di Polistena amplifica gli interrogativi e le perplessità dei cittadini polistenesi". Anche il Movimento 5 Stelle di Polistena interviene sulla questione Policaro, citato dal suocero (finito ai domiciliari) in un dialogo intercettato e finito nell'ordinanza dell'operazione "Faust".

"L'arresto di personaggi legati da vincoli di parentela al primo cittadino polistenese, già vicesindaco della passata legislatura, e le indiscrezioni degli organi di stampa su intercettazioni telefoniche che coinvolgerebbero il sindaco stesso, sono entrambi elementi che non possono passare inosservati, né, per sedare gli animi, può bastare il tempestivo e contestuale annuncio di costituzione di parte civile dell'amministrazione comunale. Quest’ultimo, infatti, seppur atto apprezzabile e doveroso, rimane comunque attività insufficiente a rassicurare i cittadini polistenesi sull'effettiva estraneità del primo cittadino alle vicende emerse con la citata operazione Faust!"

"Pertanto - scrivono i pentastellati - nel rispetto delle indagini in corso, rimaniamo in attesa di ascoltare dalla viva voce del sindaco Marco Policaro, una forte e netta presa di distanza dai fatti contestati ai suoi congiunti ed una valida e convincente spiegazione su quanto sembrerebbe emergere a suo carico; tutto ciò in ossequio ai principi di legalità e di contrasto alla mafia professati dalla sua maggioranza in consiglio comunale".

DOMENICA 25 GENNAIO 2021