Terremoto Campi Flegrei: nella notte scossa di 4.2, la più forte dagli anni ’80

Nuova scossa di terremoto questa notte nella zona dei Campi Flegrei a Napoli. Un magnitudo di 4.2 è stato registrato dall’INGV campano e si tratta della scossa più forte registrata dagli anni ’80.

Continua lo sciame sismico nella zona dei Campi Flegrei poco distanti da Napoli Bagnoli; alle 3:35 infatti è stata registrata la più forte scossa degli ultimi anni. Il terremoto di 4.2 registrato dall’Osservatorio campano rientra nel fenomeno di bradisismo che sta vivendo la zona.

terremoto campi flegrei
Cartina Campi Flegrei (sito INGV- Osservatorio campano) – PolistenaNews.it

 

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita e registrata alle 3:35 di questa notta nella zona dei Campi Flegrei. L’ipocentro è stato localizzato a circa 3 km di profondità. Non sono stati fortunatamente registrati danni a cose o persone. Sono comunque in corso alcuni interventi precauzionali da parte della protezione civili soprattutto alle scuole che oggi restano chiuse. La scossa infine è stata avvertita anche a Roma e Potenza; bloccato anche il traffico ferroviario dell’alta velocità, che ha ripreso a circolare da poco e registra ritardi fino a 3 ore.

La più forte scosse dagli anni’80: i Campi Flegrei vivono una fase di bradisismo

La scossa di questa notte è “solo” lo più forte degli oltre 60 terremoti registrati dall’Osservatorio Campano dell’INGV a partire dalle 5:06 di Martedì 26 Settembre. Si tratta, registri alla mano, della più forte scossa di terremoto registrata nella zona dagli anni Ottanta. Ma a cosa sono dovute queste numero e frequenti scosse? Tutto rientra nel fenomeno che gli esperti chiamano bradisismo.

terremoto a napoli
Registrazione scossa di terremoto (Canva) – PolistenaNews.it

 

Si tratta di un fenomeno periodico e lento che riguarda l’innalzamento e la abbassamento del suolo. Fenomeno a cui la zona flegrea è soggetta per conformazione geografica. Caratteristica di questo fenomeno è che la fase di innalzamento è accompagnata e segnalata proprio dalla presenza di numerosi terremoti, a differenza invece della fase di abbassamento durante la quale lo sciame sismico è inesistente.

La fase di sollevamento attuale è iniziata nel 2005 e ha raggiunto, per il momento, il suo picco a Luglio 2023 con 113 cm di innalzamento del suolo. L’ultima fase di innalzamento era stata registrata appunto tra il 1982-84 quando è stata registrata l’ultima forte scossa nella zona.

Impostazioni privacy