Castagne, produzione in tilt: troppo caldo in Calabria

E’ un vero e proprio allarme: la produzione delle Castagne sembra infatti essere in tilt a causa del troppo caldo in Calabria, cosa succede

novità castagne
Produzione della castagne in Italia: gli aggiornamenti (Polistenanews.it)

E’ una situazione senza dubbio di vera e propria emergenza quella che stiamo vivendo in queste settimane, o per meglio dire ormai in questi ultimi anni. Eppure, sembra proprio che più andiamo avanti, più andiamo incontro a eventi sempre più estremi, singolari e unici nel loro genere. Ed è proprio in questo modo che, in un certo senso, potremmo definire il caldo anomalo, durato e ormai sempre più persistente di questo mese.

Molti, infatti, non hanno fatto altro che parlare di ottombrata, ovvero un ottobre più caldo del solito rispetto alle medie stagionali. Eppure, ormai in modo sempre più evidente e chiaro, è ormai palese che non si tratta solo di un’ottombrata, ma di un vero e proprio caldo anomalo e paragonabile a uno dei tanti picchi che abbiamo vissuto nel corso dell’estate. Ma in che modo questi fenomeni metereologici si stanno riversando su di noi e con quali conseguenze?

Calabria, produzione delle castagne in tilt

castagne emergenza calabria caldo
Castagne (PolistenaNews.it)

Che il caldo che stiamo vivendo in questi giorni sia una vera e propria emergenza, oltre che una singolarità preoccupante non è certo un mistero per tutti noi. Picchi anche di trenta gradi, afa che rende quasi impossibile stare in giro nelle ore più calde e soprattutto spiagge piene di bagnanti occasionali che vogliono approfittare di questa anomalia. Certo, c’è chi potrebbe trovare addirittura l’ardire di gioire e beneficiare di queste condizioni climatiche.

Da un lato, infatti, questo clima potrebbe essere considerato favorevole per godersi un’ultima ondata di bagni e di calore che tutto sommato non dispiace mai veramente. E, allo stesso tempo, con i prezzi sempre più preoccupanti che ci aspettano all’interno delle bollette, non è davvero un dispiacere poter aspettare ad accendere i termosifoni. Eppure, non bisogna lasciarci ingannare od offuscare, perché questo caldo così estremo e anomalo è senza dubbio un fatto molto preoccupante e che si sta già palesando in tutte le sue conseguenze.

Come evidenzia, infatti, anche La Gazzetta Del Mezzogiorno, non passa di certo inosservata la conseguenza che questo clima così caldo e fuori stagione avrà sulle nostre abitudini e sui nostri raccolti. Insomma, dell’autunno sembra proprio non esserci neanche l’ombra e, di pari passo, nessuno di noi riesce ancora a sentire nell’aria il tipico e tanto atteso odore di castagne. Queste, infatti, rimangono fedelmente sugli alberi e di certo la mancanza di precipitazioni non aiuta a migliorare la situazione. Basti pensare, infatti, che secondo il monitoraggio della Coldiretti, si può stimare una media nazionale al di sotto di circa quarantacinque milioni di chilogrammi solo negli ultimi cinque anni.

Impostazioni privacy