In ufficio: eleganti ma comode, come abbinare le scarpe basse e quali scegliere

Eleganti ma comode in ufficio, un binomio tutt’altro che impossibile da realizzare: scopri i modelli di scarpe che non possono mancare nel tuo armadio.

ufficio cosa indossare
Scarpe da indossare in ufficio (Pinterest) – graziamagazine.it

 

In ufficio, la prima regola a cui tener fede è quella di essere sempre presentabili e curate in ogni minima parte del look. A partire dai capelli, che vorremmo sempre sistemati ed in ordine, fino alla scelta del look con cui, quotidianamente, ci rechiamo presso il luogo in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo: il luogo di lavoro.

Essere ricercate ed eleganti nei nostri outfit, senza rischiare di scadere nel “banale” (o peggio ancora di apparire fuori contesto), può rivelarsi essere un’impresa piuttosto difficile. In particolare, vi è uno specifico dettaglio del look che, ne siamo certi, avrà messo in difficoltà persino te almeno una volta nella vita: le scarpe.

Alte, basse, da tennis, stivaletti, mocassini: qual è la tipologia di calzatura che più si confà al lavoro d’ufficio, in cui si alternano momenti interminabili trascorsi di fronte al computer, a momenti in cui è necessario interfacciarsi con altre persone?

L’articolo in questione mette a tua disposizione dei consigli preziosissimi in merito a come strutturare il tuo prossimo look da ufficio, fornendoti anche alcuni modelli di calzature “must have” che, nel tuo armadio, non possono assolutamente mancare. Pronta a scoprire come essere elegante (ma soprattutto comoda) durante una giornata tipo di lavoro?

In ufficio, eleganti ma comode: il segreto è saper abbinare le scarpe basse

look ricercato a lavoro
I modelli di scarpe da indossare a lavoro (Adobe Stock) – graziamagazine.it

 

In ufficio, praticità ed eleganza portano ad un’unica conclusione: scarpe basse, rigorosamente! Per quanto i tacchi ci slancino e ci facciano sentire eleganti e fashion, indossarli sul luogo di lavoro potrebbe non essere una scelta azzeccata. Meglio optare per dei modelli meno “importanti” e comodi da sfoggiare, ma che, se abbinati con cura, sapranno davvero conferire quel tocco di classe irresistibile al tuo look.

Andando alla questione delle scarpe che non possono mancare dal tuo armadio, il primo di tali modelli è sicuramente il mocassino. Versatile, praticissimo da indossare, perfetto da abbinare con un jeans, un leggings o una gonna longuette, purché prestiate attenzione a seguire una sola regola: scoprire la caviglia. Questo modello, infatti, non dovrebbe mai essere coperto dai pantaloni che indossiamo (pertanto, anche fare i risvolti ai vostri jeans potrebbe essere una soluzione plausibile).

Più seriosi – anche se indiscutibilmente più eleganti – sono i modelli slingback. Le possibilità di abbinamento di questa particolare calzatura sono molteplici: dal tubino a media lunghezza fino alla gonna a matita, non tralasciando di passare per il jeans stretto.

E come dimenticare la ballerina, tra le calzature più celebri e sfruttate in ogni angolo del globo, perfetta per chi, con il tacco 12, non si sente decisamente a proprio agio? Pantaloni a sigaretta, gonne corte e abiti a ruota sono solamente alcuni degli abbinamenti che potreste tentare con la ballerina (la quale, ricordiamolo, è preferibile sia a punta, e con tanto di decorazione ad impreziosirne il tessuto).

Infine, anche la stringata maschile è un’ottima alternativa alle tue consuete scarpe da ufficio, elegante e comoda, dunque immancabile nella tua scarpiera. Abbinarla sarà davvero un gioco da ragazzi: partendo dalla gonna a matita fino ad arrivare ai classici pantaloni con taglio maschile, le possibilità di creare outfit ricercati e degni di nota sono davvero infinite.

Sei amante delle scarpe da tennis? Alcuni consigli per sfoggiarle al meglio in ufficio

Se le calzature sopra menzionate non dovessero rientrare nei tuoi gusti e dovessi preferire la sneakers (un evergreen, quando si tratta di scarpe), cerca di abbinarla nella maniera meno scontata e “classica” possibile. Del resto, il rischio che non dovresti mai correre, perlomeno sul luogo di lavoro, è quello di apparire sciatta o poco curata.

Potresti, ad esempio, valutare di combinare la sneakers con un pantalone a palazzo o a zampa. Entrambi questi modelli, che conferiranno un effetto “vedo non vedo” alla scarpa, si rivelano essere delle scelte più che azzeccate. Non tralasciare neanche la possibilità di indossarle in abbinamento ad una gonna midi, possibilmente dal taglio dritto, la cui seriosità verrà smorzata proprio dalla calzatura stessa.

Infine, il classico mix “sneakers e jeans” può sempre essere sfruttato, a patto che i pantaloni siano di colore grigio. Una scelta sicuramente atipica in fatto di jeans, e che, proprio per questo motivo, non ti farà passare in

Impostazioni privacy