Tragedia nel terreno di famiglia: 54enne muore mentre manovra motocoltivatore

Un uomo di 54 anni è morto venerdì mattina dopo essere stato travolto da un motocoltivatore mentre lavorava in un terreno di famiglia: inutili i soccorsi.

Alliste travolto motocoltivatore morto uomo
Ambulanza (Foto da Canva) – PolistenaNews.it

Stava effettuando dei lavori in un terreno di famiglia, quando è stato improvvisamente travolto dal motocoltivatore che stava manovrando. È morto così un uomo di 54 anni nelle campagne in provincia di Lecce. La tragedia si è consumata nella tarda mattinata di venerdì in un fondo tra Alliste e Torre San Giovanni di Ugento.

Nonostante il rapido intervento dei vigili del fuoco e dell’equipe medica del 118 per il 54enne non c’era più nulla da fare: ai soccorritori non è rimasto altro che constatarne la morte. I carabinieri si sono occupati delle verifiche per determinare la dinamica dell’incidente costato la vita all’uomo.

Alliste, travolto dal motocoltivatore mentre lavora in un terreno: morto 54enne

Alliste incidente terreno morto Martino Lombardo
Carabiniere (Foto da Canva) – PolistenaNews.it

Dramma nella mattinata di venerdì 6 ottobre, in un terreno su via Longa, strada che collega il comune di Alliste a Torre San Giovanni, frazione di Ugento, in provincia di Lecce. Un uomo di 54 anni, Martino Lombardo, ha perso la vita in seguito ad un tragico incidente.

Lombardo sembra stesse lavorando in un fondo di proprietà della sua famiglia utilizzando un motocoltivatore. Per cause ancora da accertare con precisione, come si legge in un articolo di Lecce Prima, il 54enne è stato travolto dal macchinario rimanendo poi schiacciato tra quest’ultimo ed una serra.

Lanciato l’allarme, sul posto si sono precipitati una squadra dei vigili del fuoco ed il personale medico del 118. I soccorritori, però, nulla hanno potuto fare per strappare alla morte Lombardo: dopo vari tentativi di rianimazione, è stato dichiarato il decesso. Fatali le lesioni riportate nell’incidente.

Sul posto i carabinieri ed i tecnici dello Spesal

Di ricostruire la dinamica della tragedia si stanno occupando i carabinieri della stazione di Racale, arrivati presso il terreno per tutti gli accertamenti insieme ai tecnici dello Spesal (Servizio Prevenzione e Sicurezza Negli Ambienti di Lavoro).

La notizia della tragedia si è rapidamente diffusa a Racale, dove Lombardo era molto conosciuto: qui gestiva una pizzeria. Due giorni prima, mercoledì 4 ottobre a San Nicola di Montalto Uffugo (Cosenza), un 70enne era morto, anch’egli mentre lavorava in un terreno di sua proprietà: l’anziano era finito tra le fiamme mentre bruciava delle sterpaglie.

Impostazioni privacy